• La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca e all'insistenza con cui egli resta alla ricerca.( Heidegger )

  • Non c'è nulla interamente in nostro potere, se non i nostri pensieri.( Cartesio )

  • Se c'è soluzione perchè ti preoccupi? ( Aristotele )

  • Quando hai paura di qualcosa, cerca di prendere le misure e ti accorgerai che è poca cosa. ( L. de Crescenzo )

  • Essere completamente onesti con se stessi, è un buon esercizio. ( Freud )

Capita a tutti di avere dei giorni "no", ma quando pensi che siano troppi, è forse perchè stai vivendo un malessere che magari anche tu stesso fatichi a riconoscere.

Domande frequenti

  • Perchè e quando andare dallo psicologo?

    +

    Un supporto psicologico può essere molto utile per comprendere la propria realtà interiore e quella esterna, ristabilendo equilibri funzionali ed adeguati. Chiedere aiuto non à segno di debolezza, ma di grande forza: nella vita ci sono molti passaggi critici e di cambiamento (interrompere una relazione, sposarsi, avere figli, cambiare lavoro, affrontare una malattia o un lutto) che spesso sono difficoltosi, quindi poter colloquiare liberamente con qualcuno à di grande utilità. Puoi trovare uno spazio di ascolto e di condivisione in cui porre i tuoi sentimenti negativi e i tuoi stati di disagio ( tristezza, eccessiva stanchezza, rabbia, colpa, vergogna, pensieri ricorrenti ).

    Lo Psicologo accompagna la persona in difficoltà lungo un percorso che le consente di arrivare ad avere una più ampia visione della realtà, con nuovi mezzi interpretativi, facilitando l'evoluzione e il cambiamento. Per la persona, riuscire a focalizzare il problema con occhi diversi vuol dire già cambiare, poiché questo implica un diverso modo di rapportarsi alla situazione.

  • Il primo colloquio

    +

    Il primo colloquio ha come obiettivo principale la conoscenza reciproca: psicologo e paziente si scambiano alcune informazioni relative alla conoscenza personale e alle problematiche principali che hanno motivato il paziente a richiedere la consulenza.

    Primo e fondamentale scopo à quello di capire "chi è" il paziente e qual à la sua richiesta, più o meno esplicita; il secondo à quello di comprendere quale sia il percorso terapeutico più adatto.
    La raccolta anamnestica (la storia di vita del paziente) rientra anch' essa tra gli obiettivi del primo colloquio, anche se l'attenzione dello psicologo sarà anche rivolta a cogliere la realtà psichica ed emotiva di colui che gli siede di fronte.

    Lo psicologo si presenta, fornisce al paziente alcune informazioni relative al setting, alle sue personali competenze professionali e al suo approccio terapeutico, rendendosi disponibile ad accogliere eventuali richieste specifiche, domande, curiosità circa le modalità della consulenza e della relazione terapeutica.

  • Di quanti incontri ho bisogno?

    +

    Ogni intervento psicologico dipende dalla tipologia e dall'entità della situazione presentata, dalla motivazione al cambiamento e da molte altre variabili.

    La durata del percorso, quindi, non è prevedibile poiché su di essa incidono diversi fattori quali ad esempio la complessità del problema, la capacità, la motivazione, il tipo di obiettivo che egli si pone rispetto al cambiamento e il livello di intesa e cooperazione che terapeuta e paziente riescono a raggiungere. Solitamente la frequenza degli incontri à settimanale o quindicinale e il tipo di relazione instaurata, tendenzialmente paritetica e cooperativa.

  • Quanto costa andare dallo psicologo?

    +

    Le tariffe dello Psicologo possono variare a seconda del professionista e del tipo di intervento richiesto, quindi à bene richiedere informazioni direttamente allo Psicologo a cui si intende rivolgersi, tenendo presente che le tariffe per le varie prestazioni che il professionista può erogare, sono indicate nell'apposito tariffario approvato dall'Ordine Nazionale degli Psicologi e rappresentano ad oggi una semplice indicazione e non un obbligo per i professionisti.